Berta su trattorePallina tubista“Le piante hanno sete, non possiamo più aspettare, dobbiamo bagnare, è un lavorone… Non ho più il tempo per le storie al mattino, purté pasiensa, scusate… Ieri sera al ritorno dal bosco, mi sono trovato una piccola berta sul trattore, tutta pimpante, saltellante, piena di vita… l’altra è Pallina, corre sui tubi, che è meglio che sui rovi… fa la tubista … E buona giornata.”

Il mondo di Pec è anche questo, la cura degli alberi e dei campi, l’attenzione per gli animali, tutti gli animali, domestici e selvatici. I cani ovviamente, ma anche svariate specie di uccelli, e rane, serpi, libellule, lucciole, grilli, pesci. E poi ci sono le erbe, le erbacce e il riso. Ci sono le pagliezze d’oro dell’Elvo e gli antichi strumenti di lavoro,  ci sono in particolare i reperti archeologici che estrae dal suo “campo delle meraviglie”…  Tutto questo evoca storie e ricordi e, al centro di tutto, ci sono i protagonisti di quelle storie e di quei ricordi: le persone.

Un mondo che nella sua mente si amplifica, vibra, entra in amorosa risonanza con le anime gioconde o affaticate che nei decenni hanno popolato la terra del Borgo Antico di San Damiano di Carisio. Allora questo mondo si modella in uno spazio della sua fantasia posto a mezz’aria tra una quotidianità prosaica e una limpida poesia. Ed ecco che il mondo di Pec si fa parola, una parola non di rado dialettale e per questo molto espressiva. Attraverso la parola, usata in modo spontaneo e talvolta spregiudicato, Pec piega la realtà secondo gli stati d’animo più diversi, passando dalla commozione alla lirica, dal burlesco al fantastico, dal gioviale all’asettico dell’appassionato di storia e archeologia. E vi aggiunge le sue istantanee semplici, ma efficaci, che illustrano solo parzialmente la corteccia di quel mondo.  Un pot pourri che Pec, come un giullare, offre quotidianamente ai suoi affezionati che lo seguono divertiti e, al tempo stesso, inclini alla riflessione perché i brani di Pec fanno sorridere e pensare insieme.

 

 

Il mondo di Pec

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *